Passa ai contenuti principali

Post

Articoli più letti

Charles Dickens: l'inghilterra del 1800 con le sue grandi speranze e disperate illusioni

Sono un paio di mesi che non vi posto un buon invito alla lettura. Oggi torniamo di nuovo a parlare di un autore di cui ci siamo occupati in passato: Charles Dickens. Lo scorso articolo avevamo parlato del natale e del suo racconto Canto di Natale, stavolta sotto la nostra lente d'ingrandimento è finito il romanzo Grandi speranze  o in inglese  Great Expectations . Personalmente ritengo che Dickens fu uno dei migliori scrittori della sua epoca con una sensibilità verso i problemi sociali che pochi altri fino a quel momento hanno saputo riportare su carta. E non solo. Grandi speranze è considerato uno dei più grandi e sofisticati romanzi dell'autore e un classico della letteratura vittoriana con centinaia di adattamenti teatrali. Nel capitolo otto di questa novella il giovane narratore in prima persona annota con il suo spirito fanciullesco quanto dovesse essere felice lo Zio Pumblechook, proprietario di un negozio di semi, di avere “ così tanti piccoli cassetti nel suo negozio

Ultimi post

La caduta di Efeso tra magia, misteri e tradizioni: simbologia e misticismo alla fine dell'impero romano. #3

Scrivere una ambientazione horror: tra vecchi clichè e nuove mode che piacciono al pubblico

Libri sotto i portici giugno 2024: buona Festa della Repubblica a tutti!

A chi non piace un bel film Slash?

Iscriviti alla newsletter